Ultime novità sulla chirurgia estetica

Il laser contro la Couperose

Giornate fredde e pelle sensibile: uno dei problemi più comuni per chi soffre di couperose, ovvero un inestetismo cutaneo dovuto alla dilatazione di capillari sanguigni che sono fragili e delicati, che evidenzia il ristagno di sangue. L’unico modo per poter debellare efficacemente la couperose sono i trattamenti laser, oltre a ciò è possibile combatterla seguendo alcune raccomandazioni di carattere generale: bisogna tenere conto che indubbiamente i fattori ambientali e climatici influenzano e dunque improvvise variazioni di temperatura possono addirittura peggiorarla; pertanto bisogna proteggere la pelle sia dai raggi solari che dal freddo. Una delle domande più frequenti è se effettivamente è utile trattare questo problema con il laser, c’è da dire che il trattamento varia da persona a persona e non sempre si riesce ad eliminare il disturbo in maniera definitiva, per questo motivo, chi ne soffre deve sottoporsi a sedute di mantenimento nel tempo. Lo scopo del laser è quello di coagulare i rami più superficiali dei vasi capillari dai quali proviene la Couperose. Inoltre è importante per chi […]

Chirurgia post-gravidanza

Dopo il parto cesareo, molte neomamme vogliono ritrovare la linea soprattutto in seguito a un intervento in cui è presente un taglietto, infatti questo tipo di interventi prevedono un’incisione e il taglio della fascia muscolare che però potrebbe portare a qualche problema estetico all’addome. In alcuni casi è necessario pertanto un intervento chirurgico, quando si è però certe di non programmare un’altra gravidanza. Con il tempo può succedere che la striscia di pelle, chiaramente più morbida subito dopo il cesareo, vada ad appoggiarsi formando uno scalino; la chirurgia può essere utile attraverso una mini-addominoplastica o un lifting microchirurgico dell’addome. La mini-addominoplastica può essere effettuata in day-hospital, con anestesia locale e sedazione; prevede la rimozione di una striscia di pelle con il grasso eccedente subito sopra la cicatrice del taglio cesareo. A questo tipo di intervento è possibile abbinare la liposuzione se c’è il grasso in eccesso da asportare. L’addominoplastica vera e propria è suggerita nel momento in cui i problemi sono più invadenti: anche nella zona dell’ombelico, con essa è […]

Ginecomastia: cosa c’è da sapere

La ginecomastia è una avvilente imperfezione determinata dallo sviluppo delle mammelle nell’uomo, non soltanto presente tra i pazienti in sovrappeso. È normale che durante la pubertà si possa assistere ad uno sviluppo della ghiandola mammaria anche se dopo breve tempo, questa si riduce. Per un ragazzo, avere il seno sviluppato può essere fonte di disagio psicologico anche grave, rende impossibile indossare magliette aderenti, si prova disagio nel comparire in spiaggia e nei rapporti con l’altro sesso. Vengono richieste diverse analisi: emocromo completo, azotemia, creatinina, glicemia, transaminasi, elettroliti, P.T., P.T.T., fibrinogeno, elettrocardiogramma, Rx del torace, ecografia mammaria per poter valutare la quota di tessuto adiposo e ricercare eventuali anomalie della ghiandola. Tale accumulo localizzato di grasso, in regione mammaria, può essere eliminato definitivamente mediante la liposuzione. È inevitabile – dopo l’intervento – la presenza di cicatrici cutanee di diversa estensione che però si stabilizzeranno con il tempo. Sarà necessario evitare di fumare per almeno due settimane prima e dopo l’intervento, per garantire una corretta cicatrizzazione. L’operazione prevede una rimozione chirurgica del […]

Chirurgia ricostruttiva e chirurgia estetica: le differenze

La chirurgia ricostruttiva fa parte della chirurgia plastica e si occupa di riparare difetti riguardanti i diversi tessuti dell’organismo (cute, sottocute, muscoli) sia congeniti che acquisiti (cioè postumi di traumi, incidenti, malattie, pregressi interventi chirurgici). Le patologie trattate dal chirurgo ricostruttivo sono varie e sovrapponibili al chirurgo plastico, con la differenza che nel caso della chirurgia estetica l’obiettivo è il recupero della funzionalità del distretto corporeo su cui si va a operare. In ogni caso, le procedure che il chirurgo può utilizzare sono diverse e variano a seconda del caso da trattare. Le tecniche più usate sono rappresentate da: innesti (intesi come porzioni di tessuto che vengono prelevate da una certa area dell’organismo del paziente per essere inserite in un’altra area dell’organismo); lembi (cioè porzioni di tessuto che hanno una connessione con l’area donatrice e che vengono trasferiti sull’area ricevente che deve essere necessariamente limitrofa all’area donatrice; e impianti (utilizzati per diversi scopi: di solito per il riempimento o per la correzione di deformità congenite o acquisite). La chirurgia estetica, […]

Come correggere i difetti con il “lifting delle cosce”

Oggi parliamo del lifting delle cosce, un intervento utilizzato prettamente dai pazienti – sia di sesso maschile che di sesso femminile – sono andati incontro a importanti perdite di peso. Il lifting degli arti inferiori prevede un’incisione nascosta nella piega inguinale e consente di risollevare tutta la cute della faccia interna della coscia. La minore tonicità della pelle può essere provocata dall’invecchiamento, da una repentina variazione di peso o da scarsa attività fisica. A volte, soprattutto in caso di importanti dimagrimenti, l’intervento può essere esteso anche alla regione glutea ed alla faccia laterale della coscia realizzando in talk modo un lifting circonferenziale della coscia. Per questo tipo di interventi, è possibile associare una liposcultura, al fine di rimuovere il grasso in eccesso. È un intervento che può essere effettuato in anestesia locale con sedazione e il lifting delle gambe, laddove richiesto, anche con l’epidurale. La forma finale sarà quella di gambe più rassodate, più snelle e più slanciate. Nei casi meno impegnativi le cicatrici possono essere limitate alla faccia interna […]

Brachioplastica e lifting alle braccia

Avete mai sentito parlare di Brachioplastica o lifting alle braccia? Bene! È una procedura chirurgica che ha come scopo quello di modellare il profilo delle braccia asportando il tessuto adiposo in eccesso, ad esempio in seguito a una drastica perdita di peso, soprattutto nei casi di obesità. Purtroppo, in seguito a una grande perdita di peso, gli arti superiori sono i primi bersagli di inestetismi con un’adiposità localizzata della cellulite e la comparsa di smagliature. Se attraverso vie più semplici come: adeguata attività fisica e/o utilizzo dei prodotti rassodanti e riducenti, il rimodellamento è ancora lontano, si può passare attraverso la chirurgia. La ptosi e la lassità della superficie interna delle braccia avvengono solitamente nell’età più avanzata, in seguito a forti dimagramenti o per predisposizione individuale. In questi casi la lipoaspirazione non è indicata poiché si deve asportare oltre al grasso anche la cute e la sola aspirazione del grasso peggiorerebbe il cedimento della pelle. Inestetismi e correzioni chirurgiche La brachioplastica e il lifting delle braccia, in particolare, hanno lo […]

La rinoplastica: cosa c’è da sapere

Ricerca del naso perfetto? La rinoplastica è un intervento chirurgico che non riguarda solamente l’aspetto estetico, ma anche quello funzionale. Tant’è che molte persone ricorrono al bisturi per risolvere problemi legati alla respirazione e con l’occasione ne migliorano anche la forma. In molti casi l’intervento è finalizzato a correggere difetti funzionali come ad esempio, un setto nasale deviato (rino-settoplastica), oppure difficoltà respiratorie o ancora, problemi causati da traumi e/o malformazioni. La rinoplastica non è un intervento da sottovalutare, pertanto bisogna diffidare da chi promette un naso nuovo in tre settimane. Una percentuale di interventi chirurgici al naso vengono eseguiti per rimediare i problemi causati da un intervento precedente, perché sempre più spesso un alto numero di medici eseguono questa operazione senza averne le competenze necessarie. Il naso si trova al centro del viso, dà carattere al profilo ed è determinante per la bellezza e l’armonia del proprio volto. Tenendo conto della costituzione fisica, ad oggi è possibile eliminare i difetti – troppo grande, storto, a punta o a “patata” – […]

ADDOMINOPLASTICA: COSA C’È DA SAPERE

Accumulo adiposo con o senza rilassamento della regione addominale? Cedimento della struttura muscolo cutanea? Oggi, questa condizione è molto comune, è presente infatti sia nel soggetto in sovrappeso sia in chi ha affrontato una o più gravidanze, o ha avuto un importante dimagrimento, senza distinzione di sesso. In questi casi è possibile eseguire un intervento, quello di addominoplastica che dura dalle due alle quattro ore circa, a seconda del tipo di procedura necessaria a realizzare la correzione desiderata. In caso di adiposità distrettuale con modica flaccidità cutanea nell’ipogastrio c’è l’indicazione ad eseguire una piccola dermolipectomia sovrapubica (miniaddominoplastica) con l’eventuale rinforzo della parete muscolare e lipoaspirazione delle aree contigue del tronco (fianchi e dorso). Nei casi in cui, oltre al deposito adiposo, c’è una marcata flaccidità cutanea con pliche, si procede all’intervento completo di dermolipectomia addominale e lipoaspirazione delle aree contigue. L’addominoplastica prevede un’incisione curvilinea sovrapubica, contenuta tra le spine iliache, l’asportazione della plica cutanea-adiposa eccedente, lo scollamento del tessuto sottocutaneo dalla regione sopraombelicale, l’avvicinamento delle fasce muscolari e dei lembi […]

CHIRURGIA E SICUREZZA: COSA C’È DA SAPERE

Oggigiorno benessere fisico e psicologico sono due fattori strettamente collegati, in quanto essere soddisfatti della propria immagine, automaticamente determina un atteggiamento più sicuro e positivo, rafforzando in questo modo la propria autostima. Il desiderio di bellezza è uno dei pensieri principali che accompagna l’essere umano, è uno degli obiettivi da perseguire e soddisfare per sentirsi belli nel momento in cui ci si specchia, senza però generare omologazione e capendo dunque il confine tra migliorare e conformare. Oggi troppo spesso, si insegue un modello astratto di perfezione e perenne giovinezza che rischia di compromettere la reale bellezza che caratterizza ogni persona. Il risultato? Volti spesso uguali che sembrano fatti con lo stampino, talmente tirati, quasi da risultare sgradevoli. La chirurgia estetica può essere di grande aiuto, tuttavia deve essere giusta ed equilibrata: non bisogna esagerare. Prima di procedere con l’utilizzo della chirurgia, bisogna capire quale parte del corpo non ci piace e come sarebbe possibile rimodellarla in senso realistico. La chirurgia può aiutare, può accentuare bellezza e soprattutto il fascino, correggendo […]

MASTOPLASTICA ADDITIVA: COME E QUANDO SI FA?

Migliorare l’aspetto estetico di un seno piccolo è spesso uno dei desideri delle donne. La maggior parte delle quali vorrebbe stabilire una condizione di armonia ed equilibrio con il resto del corpo, magari per problemi di asimmetria. Per tale motivo si tende ad aumentarne il volume. Nello specifico, la mastoplastica additiva, uno degli interventi più diffusi nel settore della chirurgia estetica, consiste nell’inserimento di protesi – di ultima generazione, in gel coesivo di silicone (non disperde all’esterno dell’involucro) – le quali protesi hanno caratteristiche differenti, a seconda della richiesta della paziente. Per questo tipo di intervento è consigliabile aspettare il completo sviluppo del seno. È necessario, inoltre, scegliere le protesi con attenzione in quanto ogni donna ha caratteristiche fisiche e tessutali diverse, pertanto non è possibile realizzarlo in maniera standard. L’intervento La mastoplastica additiva (richiede all’incirca 90 minuti) è generalmente eseguita in anestesia generale con un solo giorno di ricovero, ma in alcuni casi è possibile eseguirla in regime di Day Hospital, in anestesia locale con sedazione. La tecnica chirurgica […]